Il palazzo Moïse a Cres

L'edificio monumentale nelcentro del nucleo medievale di Cherso fu edificato nei primi anni del XVI° secolo nella posizione più vantaggiosa della città: all'incrocio tra l'arteria cittadina principale e una delle vie laterali. L'edificio domina la parte meridionale della città, svettando su modesti edifici a due piani che si affacciano su intimi cortili comuni e strade strette e intricate.
Il palazzo Moïse è di gran lunga l'edificio più grande della città: la sua superficie è suddivisa in ben 7 lotti catastali. La vista dall'altezza del tetto illustra al meglio il rapporto tra le dimensioni di questo edificio e gli altri edifici della città. Grazie alla superficie totale di 1800 m2, è il palazzo rinascimentale più grande delle isole croate.
Nel corso della storia di questo sontuoso edificio residenziale a tre piani, le famiglie patrizie MoÏse e Petris si sono fuse, lunite da legami coniugali. Mentre la famiglia Petris era una delle più antiche famiglie patrizie locali, i MoÏse vennero qui da Segna.
All'interno dell'edificio si trovano otto blasoni della famiglia Petris e due della famiglia MoÏse, il che rivela che questo palazzo era la base del più potente e originario ramo della famiglia Petris. Pertanto, nella letteratura recente, il palazzo è chiamato "Palazzo Petris-MoÏse". Anche Frane Petrić, il famoso filosofo rinascimento natio di Cherso, trascorse qui la sua infanzia prima che suo zio Ivan Juraj Petris lo portasse su una gale per combattere i turchi .
L'esemplare più spiccante tra gli stemmi della famiglia MoÏse si trova sopra l'ingresso laterale al primo piano: uno stemma battuto a forma di testa di cavallo (scudo a testa di cavallo) posto all'interno della ghirlanda. Lo scudo dello stemma mostra una trave trasversale sopra la quale un leone rampante si erge su lingue fiammeggianti che sporgono dalla metà inferiore dello scudo. Un leone nella sua zampa destra tiene una stella a sei punte ("stella di Davide").
Nella seconda metà del XX° secolo qui abitarono molte famiglie che trasformarono l'edificio in appartamenti e stanze più contenuti. A causa delle circostanze in cui vivevano queste persone - secondo i temi della stampa quotidiana tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70 - gli abitanti di Cherso chiamarono l'edificio ''Biafra''. Questo nome è profondamente radicato nella coscienza collettiva, quindi anche oggi viene chiamato in tal modo, anche se quasi nessuno ricorda il paese originari da cui dopo il palazzo otenne questo appellativo. L'edificio divenne molto trascurato e strutturalmente precario, quindi tutti i residenti furono sfollati e l'edificio fu svuotato. La ricostruzione approfondita con l'aiuto dei fondi dell'UE era durata dal 2015 al 2019.Il comune di Cherso ha conceduto l'edificio all'Università di Fiume ( Rijeka ) per un periodo di trent'anni. Attualmente ospita il Centro di ricerca e congressi umanistici dell'Università di Fiume.