Il lazzareto - la biblioteca civica di Cherso

Ogni città medievale, così pure la città di Cherso, disponeva di una propria infermeria per i pellegrini e gli ammalati. L'infermeria tardogotica fu costruita a metà del XV° secolo accanto alla Torre dello Spirito Santo d'un tempo, appena fuori le mura della città. È stata trovata un'estensione che si ritiene fosse un edificio di quarantena a cui dovevano essere sottoposti marinai e viaggiatori. Accanto all' anticoi lazzareto oggi si trova la Chiesa di Santo Spirito e una corona di un pozzo trecentesco con lo stemma di una famiglia sconosciuta.
Il nome stesso "lazzaretto" deriva dal nome del mendicante Lazzaro dal "Vangelo di Luca", mentre il termine quarantena deriva dal antico veneto per quaranta, quaranta (secondo il numero di giorni che i passeggeri avrebbero dovuto trascorrere in isolamento).
Il lazzareto è stata successivamente trasformata in un ospizio e dal 2005 accoglie la Biblioteca comunale di Cherso. Il progetto architettonico di riconversione in Biblioteca comunale è firmato dal nostro famoso architetto Idris Turato.