Francesco Patrizi ( Frane Petrić )

Franciscus Patricius (1529 - 1597) nacque a Cherso il 25 aprile 1529 nel ramo più influente della famiglia patrizia dei Petris. Trascorse il primo decennio della sua vita a Cherso, dopodiché suo zio Ivan Juraj Petris lo portò con sé su una galea sotto il suo comando per prendere parte alle lotte contro i turchi. Dopo diversi anni trascorsi sulla galea, Francesco Patrizi ha continuato a studiare a Venezia, Ingolstadt e Padova. Il mecenate della sua prima educazione fu suo cugino, il famoso riformatore Matija Vlačić Ilirik.
Fu di orientamento neoplatonico e uno dei maggiori filosofi del Rinascimento. Da vero uomo rinascimentale, si distinse in molti campi di studio, tra cui astronomia, meteorologia, archeologia, geometria, diritto, poetica e politica. Fu professore alle Università di Ferrara e Roma. Pubblicò molte opere, tra cui la più importante fu l'ampia opera Nova de universis philosophia (1591), che apparve persino nell'elenco vaticano dei libri vietati, l'Indice librorum proibitivo, ma una successiva ristampa con spiegazioni fu rimossa dall'elenco. Nella nostra regione la più famosa è la sua prima opera "La città felice", analisi distopica dell'ordine della società ideale. I suoi insegnamenti hanno avuto un impatto sul suo contemporaneo Giordano Bruno, ma anche su studiosi successivi come Hobbes, Cartesio e Newton - autori che erano anche nella summenzionata lista di libri vietati. Fu membro di molte accademie scientifiche dell'epoca. Morì a Roma nel 1597 e fu sepolto nella chiesa di S. Onofrio, nella tomba del suo coetaneo Torquato Tasso, con il quale ebbe un rapporto teso e pieno di polemiche professionali, ma coltivarono il rispetto reciproco e divennero amici e condividono un eterno luogo di riposo.
La scuola elementare di Cherso è intitolata a Frane Petrić.
Ogni settembre viene tenuto un simposio filosofico di più giorniLe giornate di Frane Petrić, organizzato dalla Società filosofica croata.